Servizi
Contatti

Eventi


Quell’ignobile gesto di un tiro di schioppo

Poesia. Con la sua prospettiva formale l’autore dimostra coerenza per una scelta di scrittura sovente tesa a definire in strofe circoscritte (per esempio la terzina) il proprio discorso poetico. Ci introduce anzitutto a una dimensione religiosa che non prevarica l’esito strettamente linguistico e creativo.

Anche le rime, che a tratti si segnalano, rappresentano uno degli aspetti fonetici di cui è ricco il linguaggio, trasportandolo oltre la singola cellula (Impressionismo taurinense) e costituendo, tra l’altro, interazione con altri poeti, come Laura Pierdicchi, se consideriamo che ciascun testo ha un riferimento anteposto. Ma questo non influenza il nostro poeta, dotato ormai di una solida personalità, semmai amplia il tessuto semantico situandolo in un’area individuale ben definita.

A volte si assiste a spunti ironici, oppure la trama del discorso si assottiglia, cercando di percepire le varie sfumature del significato, fino a un sapiente trascolorare di sensazioni: “Vieni | al soffice lume | della vergine luna” (Sorella notte). L’intento potrebbe risultare diaristico in quanto ogni singola lirica è indicata con luogo e data.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza