Servizi
Contatti

Eventi


Schegge e Logoi

Saggistica. Il libro è diviso in due sezioni. La prima (Schegge) riporta in pratica aforismi che si ricollegano a valori filosofici, quindi in minor misura vi appare l’idea del paradosso ed emerge invece una linea ‘seriosa’ che trasforma le schegge in momenti di riflessione dettati dal buon senso e da principî etici. Se davvero gli aforismi sono una sorta di gemme stando alla concezione di Hermann Hesse, qui abbiamo gemme a profusione. Che arrivano alla auto-definizione. Ne citiamo una che rappresenta anche un’indicazione di massima: “Il cazzeggio è la moda del nostro tempo quando mancano le idee.”

La seconda parte (Logoi) è invece dedicata a veri e propri saggi che affrontano problemi fondamentali della società contemporanea. Le ‘considerazioni’ dell’autore vanno colte in una loro dimensione che prefigura una scelta di campo. Per esempio, il senso della vita, un senso che talora sembra sfuggire se non si approfondisce il senso della morte. Per quanto riguarda invece la libertà, essa si realizza nel rapporto diritti e doveri e tenendo presenti i limiti oggettivi. Sul tema della bellezza si apre un notevole divario di pensiero, poiché le immagini, che la bellezza si attribuisce, possono nascondere ciò che bellezza non è; peraltro tale modello non è assoluto e varia da popolo a popolo, in relazione a usi e costumi, agli stessi modi di vedere.

L’ultimo saggio (Credere o no?) pone di fronte due aspetti divergenti: non è detto che l’ateo sia razionale, mancando le prove inconfutabili di una realtà unica e indivisibile. Il libro di Dell’Apa in ogni modo apre orizzonti più vasti e questo è già sufficiente per certificarne l’importanza.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza