Servizi
Contatti

Eventi


Sono Marco, ciao...

Saggistica. Malgrado una sempre più estesa tecnicizzazione dei mezzi di trasporto, il cavallo non è dimenticato, se pur ‘seguìto’ da una esigua minoranza: per millenni, si può dire, è stato il mezzo più importante per viaggiare in terraferma, ne abbiamo esempi perfino dagli Ittiti. L’aureo volumetto di Marescotti ci insegna tutto ciò che è necessario conoscere sul cavallo (cap. IV) e sulle carrozze in genere, così impariamo a distinguere il calesse dalla carrozza vera e propria, il landau dal break, o riconoscere un tonneau (in francese botte, idea suscitata dalla particolare forma). Non dimentichiamo che in origine l’automobile non era che una carrozza cui era stato applicato un motore. Numerose foto, tratte anche dall’archivio dell’autore, illustrano egregiamente la materia trattata.

C’è infine un glossario (p. 37) con le voci riferite al cavallo. Un consiglio a chi volesse salire su una carrozza: non salite mai prima del cocchiere.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza