Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Quattro dei sette racconti sono tratti da Semi di senape (Firenze, 2007). Davvero, secondo il sognatore di Providence, vediamo ciò che ci è permesso di vedere? E se i cosiddetti ‘folli’ vedessero ciò che a noi ‘sani’ non è permesso? Pagine non solo interessanti per la trama o i significati, ma per lo stile, chiaro e personale fin dal primo testo Gli anni più belli. Ma i racconti andrebbero tutti citati, da Il decollo (l’acribia a p. 27 può ben riferirsi alla scrittura della Ambrosini) a Vite parallele, dove la ‘finzione’ del reale incide nella mente-strumento conoscitivo. Tra i più inquietanti, gli ultimi due, Una casa come tante, d’impianto ‘allucinatorio’, e Lo sguardo, introdotto da un passo tratto da Le Horla di G. de Maupassant.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza