Servizi
Contatti

Eventi


Talita Kum

Poesia. Se un autore riprende sue composizioni e le ripropone persino con modifiche è nel suo pieno diritto: significa tra l’altro che un testo, o più estesamente un’opera d’arte, può non essere conclusa ma aperta secondo le più avanzate teorie. Dire poi se il risultato sia positivo è difficile sotto tutti i punti di vista: ci sono delle diversità, e detto questo si comprende quanto in campo artistico le valutazioni siano spesso soggette alle diverse prospettive di chi le osserva.

La classicità di precedenti quartine non viene meno (cfr. Le barriere dell’Onda). Tanto per fare un esempio la prima quartina (ultimo verso) della Ballata delle cinque vesti da “il vento delle sue vesti leggère” “diventa “il fruscìo delle vesti leggère”; dovendo argomentare su questa piccola ma significativa modifica si rileva anzitutto un cambiamento di ritmo, che diventa anapestico; è pur vero che vento, come notammo in altri casi, è un topos ricorrente, quindi l’autore ha modificato in altro senso, mantenendo comunque quel valore fonosimbolico, più lieve nella redazione anteriore, più frusciante nella successiva.

È una delle facoltà del poeta far trasparire la realtà sotto un velo di bellezza implicita nella parola (Da quale peccato) per arrivare a un’eleganza assoluta: “Il sole veste | la tua forma di rosa”. Nota. La famosa bagattella per pianoforte Für Elise pare che sia invece Für Therese, forse Teresa Malfatti.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza