Servizi
Contatti

Eventi


Trattato lirico di cocente gelosia

Poesia. Non è infondato il sospetto che il titolo contenga un significato ironico, ma addentrandosi nella raccolta si avverte una serietà che è pur indizio di un amore, forse tradito o incompiuto. Però a volte conviene vedere quali mutamenti anzitutto formali si siano verificati nello spazio di un biennio.

Il poeta ha mantenuto sostanzialmente inalterato il suo stile: una versificazione rapida e incisiva, che tuttavia non procede nella direzione di un linguaggio sempre più spoglio fino all’oggetto unico e indivisibile. Infatti non di rado le poesie sono estese in più strofe e l’idea lirica affiora nel momento opportuno: “Voleremo insieme | là dove parlano | le nubi d’oro”. E pur evidenti sono dei ‘ritorni’ su un concetto registrandolo nei suoi aspetti evocativi o solo visuali.

Gradualmente, poi, l’attenzione si sposta su un linguaggio che attinge ad eventi quotidiani, adeguandosi quindi al momento creativo: ciò con una nitidezza linguistica che sfugge all’omologazione o con lo spingersi in metri e ritmi diversi, imponendo il sigillo di una superiore unità stilistica. Difficile dire quale direzione prenderà l’autore nel caso di un’altra silloge, ma siamo certi che, al di là di nuove varianti, attingerà comunque “alle fresche sorgenti del cuore”.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza