Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Conclusa la lettura di queste venticinque liriche, composte in un arco di tempo che non sembra mostrare fratture stilistiche, la prima impressione è di luce e movimento: l’aggettivazione costante ne rappresenta uno dei punti chiave, aggettivi peraltro collocati in maniera appropriata: ‘Fulgenti chiarori | imperlano gli steli ondeggianti’ (Va la corriera blu). È una poesia che necessita di espansione, ne sia esempio L’onda scura, che si snoda con non comune energia descrittiva, in cui emerge il ‘divino splendore’ che fa da ‘contraltare’ a Quasi un sermone. L’autore ha abitato nei pressi del Politecnico di Milano, istituto che a quanto pare terrà corsi solo in inglese. Nel leggere la raccolta di Scarani ci si rende conto di quale ricchezza espressiva possiede la lingua italiana, e ci viene spontanea una riflessione: rinunciare alla nostra identità linguistica sarebbe l’ultima cosa da farsi.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza