Servizi
Contatti

Eventi


Giovanni Sato, padovano, specialista in oftalmologia, e responsabile del Centro Regionale Specializzato nella Riabilitazione Visiva dell'Ipovisione in età adulta. Oltre che alla poesia, si dedica alla fotografia e alla musica. Fa parte dell'organico (Consiglio) del Gruppo letterario Formica Nera.

La sua specializzazione trova riscontro nel titolo di questa raccolta: la luce, con le sue variazioni, in opposizione all'oscurità. L'autore già aveva esordito nel 1995 con Intonazioni (e qui il titolo e musicale), proseguendo poi su una linea stilistica che — fra tradizione e innovazione — trova un equilibrio espressivo spesso ammirevole. Infatti, a versi regolati quali i settenari giambici di “Chiesa di sabbia” fanno riscontro i versi liberi de “La strada di notte” — tanto per fornire due esempi.

La qualità estetica emerge in più punti, con un'eleganza che non è soltanto formale, ma sa arricchire il contesto verbale, facendone scaturire momenti di lirismo, come in quelle composizioni che vanno sotto il nome di “Diario d'acqua”; le immagini colgono la bellezza visiva del Creato e, ancor più, la sua sostanza spirituale.

Numerose poi le tematiche toccate: religiosità, sentimenti, impegno umanitario: per ognuna il poeta ha saputo descriverne, senza eccessi ma con delicato sentire, l'intima realtà.

Completano il volume — sobrio e rigoroso anche per la veste editoriale — gli appropriati disegni del padre Luigino Sato, integrazione che ha carattere creativo e fornisce un'ulteriore prospettiva dei fenomeni d'arte, i quali colgono ciò che l'occhio comune non scorge: sta al poeta `indagare' la realtà e farsi veggente (A. Rimbaud) per sfuggire alla precarietà del tempo e delle cose e ricollegarsi alla stessa origine del Verbo.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza