Servizi
Contatti

Eventi


Amore quale amore per…

Confesso di aver letto quest’ultima opera di Ferruccio in sequenza dopo il, a tratti inquietante, “ Semaforo nero” su storie noir che hanno attraversato la penisola.

E mai lettura mi è parsa più rassicurante in quanto attuale, per le esposte nevrosi amorose pre-post-sessantottine che sottendono i film della nouvelle vague o del ferrarese Antonioni. O, perché no, l’autore ci ricorda i contorsionismi elucubrati dialettici intellettuali magistralmente espressi dall’irresistibile Woody Allen nei suoi indimenticabili film.

Più che romanzo si tratta quindi di racconto autobiografico, narrato in controluce dalle figure femminili, l’ “altra faccia della luna”.

O, se vogliamo, anche romanzo di formazione,iniziando dal primo fortissimo , chissà se mai risolto, complesso edipico, nel senso totalizzante di voler la figura materna tutta per sé; proseguendo con i primi tremiti adolescenziali, fugaci, ingenui,per approdare poi ad intese via via più strutturate, pur se sofferte e attraversando tumultuose mutazioni sociali epocali.

Ne emerge la straordinaria enigmatica complessa variabilità della psicologia femminile , non sempre decifrabile.

Un mondo sfaccettato, misterioso, intrigante che tanto ammalia il maschio dalla psiche più … semplice.

E che alimentano gli inevitabili inganni sottili dei deliri amorosi, germogliati da un terreno di pulsioni ataviche.

Due mondi, il maschile e il femminile, lo yang e lo yin, direbbero i taoisti cinesi, destinati a incontrarsi e scontrarsi il perenne conflitto dialettico , anche se non esistono lo yin e lo yang in assoluto, contenendo l’uno la radice dell’altro.

In altre parole, ciò spiega, in chiave di filosofie orientali, come la “fallocrazia”, yang, possa essere appannaggio anche del mondo femminile, o, viceversa, la cedevolezza yin a quello maschile.

Tutto scorre …

alla foce del Grande Fiume …

amori infranti di palpitanti sorrisi

ideali corrosi da un’ansia senza luce

vanificano come ombre fugaci nella sera …

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza