Servizi
Contatti

Eventi


Il tempo e la memoria

Pietro Nigro con “Il tempo e la memoria” (Guido Miano editore) dà nuovamente prova di esemplarità poetica da inquadrare nel recupero della memoria, non romanticamente espressa, ma data quasi come preesistente, al di là di qualsiasi moto o divenire del tempo.

Autore che ha già al suo attivo numerosi sillogi e presente nella prestigiosa antologia di Angelo Manitta “Scrittori siciliani tra otto e novecento” (Il Convivio) evidenzia attraverso analogie che richiamano poeti importanti, come G. Lorca in Montmartre (“piange una chitarra di notte / sulla collina di Montmartre / a ripetere canzoni di un eterno rimpianto”) come la stessa lirica si faccia luogo di rivisitazioni più o meno esplicitate da un gusto stilistico personalissimo.

D’altronde è lo stesso editore a evidenziarlo “I testi degli autori proposti in questa collana, non si discostano dai fondamenti della poesia autentica la quale risiede, come è noto, nelle sue componenti tra cui un alone o richiamo interiore di spiritualità che contribuisce a intuire, scoprire, evidenziare ciò che il linguaggio comune solitamente ignora e che si direbbe unitaria di tutte le poesie del mondo. (G. Miano, Premessa, op. cit. pag. 5).

Sono, in sostanza, le affinità culturali con gli autori stranieri affermati che interessano al Miano e portano il Nigro a rivisitare, attraverso un contenuto e uno stile personalissimo i grandi temi di sempre. Il legame con la propria terra non è solo un tema fondamentale della poesia del Nigro, ma di molte altre sillogi di oggi (si pensi, ad esempio all’opera di Vincenzo Rossi, di Impera Tognacci, di Gianni Rescigno, di Domenico Defelice, ecc.9 e altre volte ho affermato proprio come il motivo della rievocazione nostalgica dei luoghi di origine rappresenti uno “stilema culturale” da opporre al vuoto, alla vacuità dei nostri tempi. La “memoria del tempo”, di ascendenza romantica, ha qui un tono non epigonico nello stabilire un rapporto più equilibrato, classicheggiante tra autore e lettore, rinsaldando la frattura tra realtà e immagine.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza