Servizi
Contatti

Eventi


L’origine

Domenico Cipriano, Guardia Lombardi (1970). Ha pubblicato in poesia le seguenti raccolte: Il continente perso, 2000, L’enigma della macchina per cucire, 2008, Novembre, 2010, Il centro del mondo, 2014 e November, 2015. Inoltre ha realizzato il CD di jazz-poetry J Phard – Le note richiamano versi, 2004 e dal 2010 guida la formazione “Elettropercutromba”.

L’origine, il libro di poesia del Nostro che prendiamo in considerazione in questa sede, è scandito nelle sezioni Un intimo inizio, Reminescenze del sole e Il silenzio.

Come scrive Gianluca D’Andrea in una breve nota in quarta di copertina è presente il desiderio in questa raccolta, un sentire che si fa volontà di nominazione, per cui gli slanci verbali si mescolano a elenchi che manifestano una rinnovata aderenza tra materia verbale e mondo, in nome di una concretezza che si fa appartenenza, fiducia rinnovata. Un nuovo mondo e un nuovo inizio.

Cipriano ha dunque una profonda fede nel potere della parola poetica di rinominare le cose, magari quelle di una quotidianità che va stretta, per coglierne il senso profondo.

È vero, siamo sotto specie umana, come ha scritto Mario Luzi, ma possiamo vivere poeticamente ogni momento per dirla con Borges e abitare sempre poeticamente la terra e questa fiducia di rinnovamento si legge anche nella dedica che Cipriano ha scritto a inizio del libro: a una generazione già nata che è quella dei nostri figli.

Molto spesso le poesie di Cipriano sono poesie di luoghi e come afferma Daniela Monreale il poeta ricerca i luoghi interiori nel riflesso di quelli esteriori e non a caso il componimento in corsivo che è situato prima delle scansioni e che ha un carattere programmatico così recita: Io sono / tutte le terre che ho visitato / anche se da una sola / ho preso vita / Lì / è rimasta ferma una ferita / per ogni passo / trascinato stanco / per ogni sguardo che mi riconosce /…

È presente qui anche il tema dell’origine, che è sia genesi che provenienza, se la vita è un viaggio: è questa tematica il filo rosso che lega tutti i componimenti della raccolta come è detto esplicitamente nel titolo.

Cifra essenziale della poesia di Cipriano è quella dell’esprimersi attraverso un linguaggio densissimo, fortemente metaforico e sinestesico che tende spesso allo straniamento che provoca ipersegno.

Una vena intellettualistica anche se non mancano accensioni neo liriche che si concretizzano soprattutto quando è detta con stupore e meraviglia la natura (e anche questo è rinnovamento).

Tutte le composizioni sono senza titolo e questo ne accresce l’innegabile senso di magia e mistero e molte poesie presentano dediche.

Incanto per il mistero della vita nel poiein di Domenico che sottende un fattore x che come si accennava consiste in una certa forma di ottimismo nell’approccio alla realtà e all’alterità.

Emblematico rispetto a quanto suddetto l’incipit del componimento dedicato alla figlia Sofia: C’è sempre un risarcimento / un ciottolo di selce levigato / una disposizione del carbonio che scintilla / o il fuoco addomesticato / a sedimentare la memoria del cosmo /… Versi che fanno tornare alla memoria quelli di Antonio Riccardi: Sento il senso comune alla specie/ come profitto domestico.

Un intelligente esercizio di conoscenza che s’invera in una capacità sia di autoriflessione sia nella ricerca delle profondità dell’arte nel tempo come quando in una poesia è detto il ritrovamento in Irpinia di alcuni graffiti paleolitici.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza