Servizi
Contatti

Eventi


Trame

Di origine francese, Edith de Hody Dzieduszycka nasce a Strasburgo, dove compie studi classici. Attratta sin da giovane dal mondo dell’arte, i suoi primi disegni, collage e poesie risalgono all’adolescenza passata in Francia. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive, nazionali ed internazionali e si è dedicata alla scrittura. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, fotografia, una raccolta di racconti e un romanzo.

Trame, la raccolta di poesie di Edith di cui ci occupiamo in questa sede, presenta una prefazione di Marcello Carlino esauriente e ricca di acribia.

Come scrive il prefatore non c’è bisogno di rammentare quanto valore simbolico sia stato conferito ai vestiti.

Il libro non è scandito e per la sua unitarietà stilistica e formale potrebbe essere considerato un poemetto e questo è avvalorato dal fatto che tutti i componimenti sono senza titolo e quindi virtualmente collegati, connessi tra loro e potrebbero essere paragonati ai tasselli di un mosaico.

I testi sono preceduti dalla poesia del Premio Nobel Wislawa Szymborska Vestiario tratti dalla sua raccolta Gente sul ponte.

La definizione di trama è qui da intendersi come filo che costituisce la parte trasversale del tessuto.

La raccolta ha per tema dominante il vestiario che muta attraverso le epoche e che per ogni persona ne sottende il gusto e la personalità, il censo e la fantasia, la gestualità e l’estro.

I componimenti hanno tutti un tono assertivo e sono formalmente e stilisticamente sorvegliatissimi.

Decollano con leggerezza sulla pagina per atterrare con grazia icastica.

A volte la trama può avere un significato metaforico come nella poesia: Se di colpo / si taglia / del discorso il filo / difficile in seguito / recuperarlo.

In questo componimento il filo non è quello della stoffa ma quello delle parole in un intrigante gioco metalinguistico.

Quanto suddetto si ritrova anche nei versi: Dal cucito / maldestro / ritorto / del non detto /: il filo dell’ordine del discorso si fa una cosa con quello del tessuto e non a caso testo deriva etimologicamente da tessuto.

In questa situazione la poetessa usa i suoi strumenti con l’intelligenza e l’originalità che la contraddistingue di raccolta in raccolta.

I vestiti e i tessuti divengono quasi animati e sembrano sussistere, a livello eidetico autonomamente, come correlativi oggettivi.

Le composizioni sembrano avere una valenza epigrammatica nella loro asciuttezza e nella loro compattezza semantica.

L’autrice parla dello scovare il punto di rottura, il nodo troppo stretto e quasi non si può non pensare in questo passaggio di un’influenza montaliana.

Vengono dette carne e anima forse ricoperte da indumenti.

Un esercizio di conoscenza e di fantasia nell’interiorizzazione del vestirsi visto come in funzione di una mascherata se per certi aspetti la vita è una recita.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza