Servizi
Contatti

Eventi


Voglia di libro.it

Poesia autentica – ispiratissima e levigatissima – quella di Angela Ambrosini, figura di rilievo dell’odierno diorama letterario, seguita, con interesse vivo, dalla critica massima fin dai tempi del felice esordio.

La connotazione più palpabile, quasi timbratura a fuoco, del discorso poetico della Ambrosini è l’innegabile, tangibilissima ed alitante presenza di un substrato colto, non mai respinto ma anzi sottolineato, co-sustanziato da un uso aggettivale ricercato e catturante, da una carica scritturale che mai si disperde in sbavature, sconfessioni e cedimenti, dalle indovinate citazioni prescelte, spesso sapientemente poste in antiporta di testo.

Tuttavia, lungi dall’essere gravata da questo pregnante background colto, la lirica della Ambrosini è aerea, vellutata, carezzante, fluttuante in atmosfere rarefatte e miniaturizzate.

Nulla manca a questa ottima poetessa, anche notevole narratrice e raffinata traduttrice: vastità contenutistica, soave limpidezza di ritmo, lucidità concettuale, armoniosità di tratteggio, delicatezza di tocco, intensità di immagini, le sono proprie.

Ed ancora: purissima e sedimentata dovizia lessicale, scelta accorta di lemmi sintattici, padronanza e rigore formale.

Segno chiaro di una raggiunta, compiutissima, maturità espressiva in cui si evidenzia- e si esplicita- una plenaria rispondenza fra forma e contenuto, l’eterno dilemma. Mirabilmente risolto.

Fragori di rotte ne è riprova. Altissima.
Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza