Servizi
Contatti


Ho letto e ascoltato Silentissime con enorme piacere. Chi non ha provato nella vita il desiderio del silenzio, della mancanza di suoni, di rumori, di voci. Ci sono momenti in cui stare zitti, sospendere di parlare, di urlare o comunque di produrre rumore dà una serenità e una pace intima, infinita. Soprattutto i poeti hanno parlato del silenzio: “…ma da i silenzi de l’effuso azzurro” (Carducci) e “…bonaccia, calura, per ovunque silenzio” (D’Annunzio).

Ascoltare Silentissime è stato un immenso godimento dello spirito; mi dava la possibilità di immaginare la grazia della pura bellezza.

È vivo in queste liriche l’anelito alla pace che nasce dal silenzio interiore, ritratto con mano lieve, quasi trepida, in tocchi pittorici e delicate sfumature. La combinazione felice di parole come “fiaba” ed “alba” in Fialba, fa pensare all’eco di una parola incastonata nell’aria delle prime ore del mattino, dando la sensazione di metapoesia. Mari mi procura emozioni armoniose fatte di ritmi incalzanti, dalle leggere inflessioni dannunziane, ma senza quel senso di decadimento e di disfacimento tipiche del vate, non certo di Lucia Gaddo, poeta fedele alla bellezza del verso nitido, scritto col cuore e con la sensibilità di una vera artista…Silentissime sarà messo accanto ai tuoi libri, che mi aiutano a vivere nei momenti di sconforto.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza