Servizi
Contatti

Eventi


Maria Lenti disegna un verso che si prefigura quale immanente realizzazione del senso poetico, soltanto parzialmente sciolto dall'evidenza del testo, che rimanda ad un qualcosa d'altro, di diverso, forse di personale ed insospettabile.

Dal sovrasenso delle righe, infatti, balza fuori una costruzione architettonica dei testi, che rileva, ad uno sguardo attento, una grande complessità di forme e contenuti. una dialettica perenne ed intensa che sempre procede per contrasti insoluti, che rimandano ad una differente possibilità di soluzione, ovvero all'idea che vi sia una possibilità di soluzione al di fuori del testo e, più in generale, al di fuori della comune concezione dell'uomo.

Si verifica la riproposizione di un linguaggio che, attraverso la naturale decodificazione dei segni codificati, concessa soltanto a chi possiede le giuste chiavi interpretative, sprigiona il proprio corredo di significati. La parola è, nelle poesie dell'autrice, talvolta ipertrofica e vive della consustanzialità dell'essere segno comunicativo primario e veicolo di senso, riappropriandosi così di parte della sua potenza originaria. esponendosi e rivelandosi. Anche se spesso in verità. a completamento della parola, ricorrono una serie di aggettivi con lo scopo di meglio definire il carattere allusivo e vago della parola.

Nelle poesie di Maria Lenti. comunque, si assiste alla continua ripetizione delle parole all'interno dei testi, il cui fine ultimo credo sia quello di rendere l'assoluta maniacale quotidiana routine e, ad un altro livello, quello di rendere la ciclicità degli elementi ordinati del cosmo, nel segno di quella mai dismessa tensione verso l'infinito propria della poesia.

I testi sembrano ricercare una dimensione figurativa, che si intreccia con quella verbale, nel tentativo di un maggiore coinvolgimento dei sensi, esasperando talvolta la stessa funzione poetica.

In Versi alfabetici in definitiva troviamo una personalissima maniera poetica, resa attraverso un linguaggio fortemente sperimentale ed intrigante.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza