Servizi
Contatti

Eventi


Autodidatta, dopo una intensa attività di lavoro, sospinto da una improvvisa forza ispirativa, Emilio Gallina si è accostato alla poesia e ne ha vissuto i momenti con forte partecipazione: così Galaverna (che si rifà al noto fenomeno atmosferico che si manifesta col depositarsi di minuti cristalli di ghiaccio su qualunque superficie solida quando la temperatura nelle notti di nebbia, scende sotto lo zero) caratterizza tutto il suo percorso poetico.

Gli elementi costituiti dell'opera sono i luoghi, i tempi, l'uomo: ed in queste tre contrapposizioni Emilio Gallina spazia con sicurezza e linearità. E si coglie, subito, un preciso rapporto tra quella che è la vicenda umana del poeta, con le sue sommesse e solitarie avventure dello spirito, e la verità delle cose nel loro inesausto riproporsi al di là dell'ordito dei sensi. In questo clima poetico, la poesia resta la compagna di un viaggio, di un attraversamento amoroso dei fantasmi e delle realtà che popolano la nostra vita.

Il timbro è quello di una voce genuina che nella sua fattura lessicale e prosodica, attorno ad un gioco di nitide e trascorrenti figure della memoria, crea trasognati movimenti e caste cadenze di idilli leggermente venati di tonalità quasi crepuscolari.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza