Servizi
Contatti

Eventi


Oggi, non è tempo di fiaba. E’ un genere ormai in disuso. E’ considerato lontano e fuori dagli interessi dei minori, tanto è vero che prolifica certa narrativa fuorviante perché ricca di scenari guerreschi dove la retorica della violenza la fa da padrona. Il tutto in una persistente forma diseducativa.

Roberta Degl’Innocenti, che già abbiamo ammirato per precedenti opere di poesia e narrativa, si pone controcorrente ed affidandosi alla carica di fiabe non mielate, pubblica una raccolta che costituisce una preziosità nel panorama della narrativa moderna e si affida a pagine  dove “la fiaba ha come protagonisti esseri umani e soprannaturali (maghi, fate, streghe, gnomi) e non solo animali”. I personaggi si elevano a voci viventi con un viaggio sospeso tra il reale e l’immaginario, un viaggio che si para di fronte alla storia, alla morte, al destino, alla solitudine, al dolore, alla necessità. E la parola nuda e cruda, precisa il suo essere tra incanto e perdita. Paure, solennità, il farsi medesimo del vivere. Il disfarsi del mondo, tagliano e alleggeriscono le parole. Intanto, portano, poi, il suono del loro vuoto in una abbacinante, dolente, laicissima preghiera.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza