Servizi
Contatti

Eventi


Dicotomie

Nel profondo coinvolgimento emotivo e nel piacere intellettuale che la lettura dei versi di Nazario Pardini raccolti nel volume “Dicotomie” mi ha procurato, desidero aggiungere, alle tante prestigiose note critiche, le mie amichevoli parole a commento. Il dettato poetico rivela uno spirito vibrante di passione, dolore, sentimento. L’Autore attinge dall’unica fonte in grado di far sgorgare il vero canto: il cuore. La dedica in esergo “A mio padre e a mia madre che hanno immolato la loro vita sull’altare dell’amore” permea tutto il volume di sublime pietas, incancellabili memorie, speranze, umana civiltà e inciviltà che, pur fra le stridenti ambiguità contemporanee, restano incancellabili nell’anima. Una Musa, quella di Pardini che freme, soffre, sboccia nei giardini del reale per decollare verso arditi approdi dove convertire, forse, in gaudio, le lacrime.

Non saprei dire quale dei componimenti sia il migliore: tutti possiedono una nobile orma di purezza, schietta ispirazione, liricità, raffinato labor limae, impronta che sanno dare alla proprie opere soltanto i grandi scrittori e gli spiriti capaci di risalire dal crudo materialismo verso gli alti cieli degli ideali. E che siano ricordi di guerra sulla strada, in trincea, miti oppure fragranti giornate di luce in una rinascente campagna, o ancora piane azzannate vicino al mare, ombrelli di carta, barche di fuscello salpate da “coste opposte” verso il sogno di una “terra di pane e lavoro”, tuttavia un “raggio scampato alla sera” non si piegherà “agli artigli dell’ora”.

Sono immagini che sottendono inquietudini e raccontano l’ansia del proprio e dell’altrui diverso destino con densa spiritualità, libertà ed eroica meditazione: solitario privilegio dei poeti, semmai “in uno spazio vasto in mezzo ai platani” di una campagna profumata di terra e mare “tra il chiarore di lame | che vanno all’infinito” e respirano “aria d’eterno”.

La caducità dell’essere nel dualismo del “cemento che guasta la collina” fra i “detriti dell’ingordigia umana” e “quei giochi del tramonto sopra il campo” s’incarna nella materialità di parole dense di pathos, finezza intellettuale ed esperienza etica.

Il poeta condivide luci e ombre dell’umana sorte e dei suoi misteri nel vasto universo senza mai perdere la percezione di un originario, incontaminato stupore.

Se, come afferma Eraclito, “l'armonia delle cose sta proprio nel perenne mutamento generato dal polemos tra gli opposti, così le “Dicotomie” di Nazario Pardini celebrano la meraviglia di un'empatia emotiva che illumina ogni opacità del cuore. E nell’intimo tormento di un consapevole tragitto terreno, quando più forte si fa il bisogno di confortarsi dai colpi improvvisi dell’esistenza e di proteggersi dal freddo delle bare, “in qualche luogo… l’alba nasce… là dove il gelo non arriva mai”.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza