Servizi
Contatti

Eventi


'La vita è un segmento, parte di una retta di cui non è dato di sapere né l’inizio né la fine. Le anime inquiete sbirciano oltre il confine, cercando la chiave per accedere all’inconoscibile. (…) In un eterno moto dove pensieri, sogni, desideri sono il loro passaporto per l’altrove'.

Il prologo dell’opera, suddivisa in tre emblematici complementi – stato in luogo, moto a luogo, altrove – è già una dichiarazione d’intenti: un viaggio di conoscenza in cerca della direzione che dia senso alle attese, che colmi le distanze, decifrando la realtà frantumata in mille specchi nascosti in sogni o dietro maschere: 'young' e 'old', limbo e allucinazioni, vite parallele che scivolano in strettoie di clessidre come 'deliri di umani | che non vogliono morire.'. Sono presenti alcune poesie insolite, quali l’'Ordine naturale', in cui l’Autrice vorrebbe sovvertire il corso dei fiumi: 'Non so perché | ma non amo | l’ordine naturale | delle cose | (…) Che vada controcorrente. | Che le foglie non cadano dai rami | ma si alzino | leggere in cielo. | (…) Solo inclinando la testa | cambia il mio punto di vista. | Ma questo è troppo poco. | Non basta.' O ancora 'Facebook', un componimento moderno intitolato addirittura a un social network, dove il virtuale può assurgere a illusorio testimone di vita: 'Non voglio che l’onda | porti via la sabbia | che ho calpestato | mentre nella clessidra | si sta esaurendo | quella che ho già vissuto. | Ascoltatemi tutti, ascoltatemi! (…)  | Che almeno io sia | l’eco di una voce | (…) Amatemi. | Non confondetemi fra i tanti | che popolano | la vostra indifferenza.’

Ma l’argomento che si conferma è Itaca, l’anelito a ritrovare la ‘casa perduta'. Qual è la sua Itaca? È 'Isola lontana | che nemmeno intravedo, | circondata da un mare | ancora nemico.'. Desiderio a nuovo approdo e inizio di un ritorno, luogo utopico che fluisca dal passato in un futuro in cui una mappa del tesoro riveli al navigatore la risposta per ritrovare, forse, la patria dell’anima dove essere se stessi pur nella crescente difformità, nel 'thriller' e nella crisi dei valori di questa epoca. 'Mulier' è un’altra poesia significativa della silloge, un ritratto di donna, espressione di femminilità, di amore in una scrittura senza confini: 'Chi sei anima mia? | Se l’uomo è la guerra | io sono la pace. | Se l’uomo è la sete | io sono la pioggia. | Se l’uomo è la fame | io sono il pane.'.

Il libro si avvia alla conclusione attraverso dodici 'Visioni', forse come i mesi dell’anno, nel desiderio di giungere a un altro luogo. Il tutto si dipana nel sollievo della 'Poesia' che si fa 'libertà del vento', 'timone', 'filo che non fa perdere l’aquilone'. Sarà perché la realtà sta sempre troppo stretta ai poeti, Giusy Cafaro Panico sa modulare esperienze toccanti di pensieri e analisi di emozioni con la capacità di avvolgere in un’empatia esistenziale. Perché il suo lirismo tocca sempre temi vitali e le scelte che ne sono alla base. Un fascino irresistibile emana dalle pagine ed è un intenso piacere condividere i suoi versi che costruiscono immagini e riflessioni in un crescendo culminante in quell’'altrove' dove la felicità è sempre | in un altro luogo | in un altro tempo | con altre persone | (…) e 'l’anima emigrante | non sa più dove stare'.

30/08/2011

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza