Servizi
Contatti

Eventi


Quella luce che tocca il mondo di Ninnj Di Stefano Busą, prefazione di Emerico Giachery: titolo gią di per sé emblematico di un quid che ci trascende.

Altissimi versi che toccano abissi d’anima, che richiedono pił riletture per afferrarne tutta la significativa profonditą. Un’indagine esistenziale di pregiata vis poetica, un canto di veritą che emoziona, commuove, schiude ‘giorni d’ambrosia’ in ‘un trionfo di riverberi alati’ dalle sembianze spesso amare, eppure celestiali, che liberano, elevano il ‘rastremare d’anima indifesa (…) tra foglie ostili (…) tentacoli d’argilla’.

Nell’‘inventario dei ritardi’, nel ‘tempo incarnato’, attraverso la ‘poca veritą da custodire’, pensando ‘alla madre’ nella ‘stagione degli inganni’, l’Autrice cattura anche nell’indice lirico, come a delineare nuove melodie, accende bagliori di raziocinante speranza se ‘ancora cercheremo’, ‘corpo al vento’, fra ‘case bianche e libeccio’. Tutte le immagini metaforiche, rivelate da una cifra stilistica che s’innalza in verticale, invitano a un’intima meditazione sul bene e sul male, sull’enigma celato nelle notti inascoltate, abbandonate ‘alla solitudine rapace del tempo’ per ‘materializzarsi come frutto alla fame. / Refoli d’aria, storie di echi / che ancora stringono fragranze’.

Ninnj Di Stefano Busą raccoglie e decanta in quest’opera il conflittuale inganno dell’anima che dal novecento dei nostri padri e maestri – Ungaretti, Montale, Luzi, per citarne alcuni – ci portiamo dentro e che, trasvolato sulle pagine, permea il disgregante malessere del nostro millennio eticamente diseredato.

Da qui l’anelito di ricongiungere il montaliano anello che sempre meno tiene: la poetessa riesce nell’impresa modulando un prezioso contrappunto di chiaritą che si fa voce con il respiro ‘infinito di una grazia che tutto denuda’ per vestirsi ancora ‘della follia ardente del tramonto’. Espressione felicissima, quest'ultima, per esprimere il significante riverbero della vita che cede alla follia dell'attimo la sua naturale chiarezza e dimenticanza. Una poesia registrata tutta sulle riverberanze che rilucono nel raccogliere l'ultimo grido: una veritą che annotta, pur mantenendo alto il livello dell'anelito primordiale che cattura l'ultimo spasimo di luce.

22/08/2011

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza