Servizi
Contatti

Eventi


Ora che è tempo di sosta

In un'epoca come la nostra, in cui si va depauperando semanticamente la lingua italiana, la poetica di Angela si snoda, si muove, in un processo inverso: arricchisce di significati la parola, non solo metafora nell'accostamento alla pittura, ma il suono stesso della parola, del verso che, sia per il suo stile originale, sia per i contenuti, che per proprietà linguistica, si fa vibrato interiore e richiama, sempre per accostamento, il cromatismo musicale. Gomena di tre corde -corde dell'arte, che s'intrecciano, si uniscono- a me pare essere, la sua penna creativa, che si fa, inoltre, ricerca e trasfigurazione delle percezioni, o appercezioni, della realtà visiva e non solo; gomena che ormeggia in sicuro porto la “bellezza”; scrigno, che è anche memoria della lingua italiana, con la sua ricchezza di sfumature, di colori, appunto.

Arte tutta quindi, nella sua poetica, figurativa, musicale, grazie alla cultura, alla sensibilità e capacità creativa di Angela Ambrosini.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza