Servizi
Contatti

Eventi


Pavana o dell'attenzione

Il sottotitolo mette in guardia: si tratta di appunti, presi a una lezione. Appunti presi `per' una storia naturale della morte, o piuttosto `da' una storia naturale di una morte. Il poeta porge dunque un foglio, non rifinito, fatto a pezzi, a salti, a lampi, a oscuri lampi.

Il «lento atrofizzarsi dell'essere | fino al ritrarsi in un suo mondo di mugolii, di sospiri» viene ripreso per appunti in una fisiologia metafisica che poche volte è data di incontrare nei poeti nostrani, quasi tutti timorosi a scender nella carne, quasi tutti pensierosi. Scarselli pensieroso non è, è attento a quella `casa di carne' che va via, portando via tutte le sovraimpalcature che millenni di storia e cultura vorrebbero opporre al disfarsi di tutto per il disfarsi di un solo punto: l'Io.

Tutto è fatto fuori, resta solo lo spazio di quel venir meno: spazio carnale storico. È fatto fuori anche Dio, poichè dall'autore (dalla madre no, par di capire) è sentito come un'idea, la più forte, ma non carnale, non incarnata.

Tutto va in crisi lungo il viaggio di questa madre che si consuma, e soprattutto va in crisi (ci par di vedere) il senso di potenza dell'lo. La scenetta dell'ultima poesia, ove si dà un Io esausto che si riveste a festa, riacquistando fiducia nelle `muse sapienti' e nell'«amica filosofia», e che si avvia con «il finto pene più aguzzo e più ardito» a fondersi con la morte riletta infine come «un orgasmo | senza fine»; ecco, questa tragica scenetta finale contiene tutti gli elementi dell'affresco scarselliano: la maternità, intesa come creaturalità, come essere-amato, è ormai morta; l'Io può armarsi solo di finte, in una imponente e impotente solitudine; l'unica chance finisca il tormento è riprodurre «l'estingersi delle coscienze» proprio della morte. Perchè la coscienza (lo sa il metafisico ma anche il fisiologo) è desiderio di vita, del contuplo di vita.

Al che, anche stilisticamente, si presenta un bivio: l'apertura di una domanda di vita che si perpetua (ma nel libro vi son poche domande) o l'estenuarsi della coscienza in un commovente monologo coincidente infine con la masturbazione in cospectu mortis.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza