Servizi
Contatti

Eventi


Versus Latini

LATINITAS

Series Nova
I I I ∙ MMXV

Volvmen Alterum
Pontificia Academia La tinitatis
in Civitate Vaticana MMXV

Pontificia Academia Latinitatis Provehente
seriem nouam edendam curat
Ivanvs Dionigi
adiuuantibus Pavlo D’Alessandro et Mario De Nonno

Doctorvm Collegivm
Marivs De Nonno - Mirella Ferrari
Gvilelmvs Klingshirn - MarIanna Pade - Sergivs Pagano
Theodoricvs Sacré - Manlivs Sodi - Michael Winterbottom

Correctorvm Collegivm
Franciscus M. Cardarelli - Paulus d’Alessandro
Nicus De Mico - Valerius Sanzotta

Omnia in opuscula censorum duorum iudicium permittitur.

Iura omnia vindicantur ∙ All rights reserved
© Pontificia Academia Latinitatis
Palazzo San Calisto, via San Calisto, 16
SCV - 00120 - Civitas Vaticana ( segreteria@latinitas.va )

Hoc volumen ordinaverunt atque impresserunt typographei
Palombi & Partner Srl, largo San Pio v, 16, I - 00165 Roma

° ° °

 

VERSUS LATINI

Franciscus Darius Rossi

1
E vetustis ianuis rimosis
crebria lumina manant

Aeris pulvis clare pingitur —
aestus limpidas facit res
quae aliquid secreti sapiunt

Si hominum dolori esset sententia
intellegerem talia obscura vestigia,
sed omnia paulatim effluunt

Et me movet memoriarum unda…

2
Mea refert quae tempora fugiant
inter pocula in tabula crepitantia.
Somnus memorias explicat
et res gestas misere fodit,
ut in animum inscium trudat
vestigia antiqui sigilli.
Ubi in nebulam dilabitur
apparent horridae vagaeque imagines.

Miraculum est ignorare.

3
ARCANUM

Obscurum in vesperis umbris
est septem candelabrorum arcanum.
Levia in aere volitant
acri liquefacta cera imbuto
dum leniter in caelum volvitur 5
nebulosus tortuosusque fumus.

In recessu lintei panni sinus
crescit atque tumescit motus
inflantibus omnino celatis ventis —
obscurae tenebrae circumvolvunt
et illarum flammularum lumina
repercussa terrendo fluctuant.

Fragor auditur —
in frigido vitreorum crepitu
pannus rescinditur
et arcanum detegitur
in sua crudelitate

4
Currus rotae stridunt
in via pulvere strata —
viatoris aures tintinant
tonitrus fragore fractae.

Parvi momenti eventum
oculos stupentes terret
dum terrestris globus
currit et praecipitat
in universi aethere.

5
Flamma in medio foco ardet
sonoris ac rubris crepitibus.
Personae rident et horrescunt
in scaena ignis lumine accensa.
Histriones vestes discerpunt
ad stupentes spectatores conversi

6
Flentem diem Natalem audio
in tristi tintinnabuli sonitu
qui in umido vespere diffunditur
inter artificiosas viarum luces.
Musicae iteratae notae
de cantibus me admonent
et temporibus iam perditis,
dum diei festi suavitas
iam non afficit stupore.

° ° °

Tubae clangor ad sidera ascendit
numerose concentum moderans –
resurgit vitae gaudium
in hymno totum
terrarum orbem adflante.

7
In mare occasus descendit
ebrius rubris calicibus
rosarum quae mox deflorescent.
Fumigat ultima caeli pars
dum lux quaedam longinqua apparet.
In hoc secreto universi angulo
iam iamque miraculum perficitur

8
Metuo ne arbor recidat
ramis saeva securi caesis
radicibus direptis et apertis
Aquiloni vehementer flanti
inter scelesta facinora
taetrorum et malorum virum.
Virens et vivax vita
ex abrupto rescinditur,
perit et in perpetuum moritur
velut tempus omnia terens

9
Rapidus rivus fluit
inter virides ripas
et flores suaviter olentes.
Repente de caelo ruit
vehemens et procellosus imber. 5
Rivi alveus extenditur
aquae limosae vortice –
Aequorea planities extenditur
ubi frugiferi agri erant.
Occurrit saevus nauta
remis rudentibusque onustus
et agricolae fugantur miseri
in altas arbores refugientes.
Fati rota sortes volvit
fortunas saepius mutans –
quae secura videbantur
tremunt in vento volitantia

10
Serpit sibilus anguis
in caeco taetroque antro.
Lux caerulea diffunditur
ex fonte in medio vincto –
oculis territis cernuntur
animalium recisorum monstra.
Horridum somnium dilabitur,
resurgit spes novae vitae

11
Silescit templum noctis
per silentia tacitae silvae.
Magis magisque patent
arborum amplae umbrae
descendentes in mare de montibus
ubi saliunt vagae nymphae
candida veste cinctae.
Undae obscurae fiunt
in rivam abruptam frangentes
et caligo oculis offunditur.
Stat veritatis signum
in nigro naturae nitore.

12
Vesperascit ruber occasus,
maris undae ex purpura fiunt
spumantes in scopulos illisae.
Tibiarum flebili sonitu expergiscor
me ad convivium vocari ratus
in imis antris sub pelago mersis.
Omnes amici adsunt,
abest propitium numen
quod adiuvet animos vagantes
vinculis ferreis vinctos
voluntatis quae nolit.

 

 

1
Da antiche porte di fessure piene
fitte filtrano le luci

Si colora il pulviscolo dell’aria –
la calura chiarifica gli oggetti
che hanno il sapore dell’ignoto

Se il dolore umano avesse un senso
potrei capire quegli oscuri segni
ma tutto svanisce a poco a poco

E ancor mi culla l’onda dei ricordi…

2
A me importa quali tempi se ne fuggano
tra i bicchieri che sul tavolo tintinnano.
Il sonno chiarifica i ricordi
e affossa miseramente le gesta
per incidere nell’animo inconsapevole
le orme dell’antico sigillo.
Quando il sonno svanisce nella nebbia
appaiono orride e vaghe immagini

Miracolo è l’ignorare

3
MISTERO
Oscuro nelle ombre della sera
il mistero dei sette candelabri.
Leggeri volteggiano nell’aria
pregna di acre cera liquefatta
mentre lieve si innalza verso il cielo
un nebbioso e tortuoso fumo.
Nel grembo del panno di lino
cresce e si rigonfia un moto
mentre soffiano del tutto celati venti –
oscure tenebre lo avvolgono
e i lumi di quelle fiammelle
riflessi spaventando fluttuano

Si ode un fragore –
nel freddo crepitare dei cristalli
il panno si strappa
e si rivela il mistero
nella sua crudezza



4
Cigolano le ruote del carro
nella strada di polvere ricoperta –
le orecchie del viandante ronzano
colpite dal fragor del tuono.
Un di poco peso evento
atterrisce gli occhi stupiti
mentre il globo terrestre
corre e precipita
nell’etere dell’universo


5
Arde la fiamma in mezzo al focolare
con sonori e fitti crepitii
Ridono e inorridiscono le maschere
nella scena dal chiarore del fuoco accesa
Gli attori si strappano le vesti
volti
verso gli spettatori stupiti

6
Ho sentito piangere il Natale
nel triste suono di una campanella
che si diffonde nell’umido imbrunire
tra le luci artefatte delle strade

Ricordano quelle note ripetute
canti e tempi ormai perduti,
mentre la dolcezza del giorno di festa
non attrae più gli occhi stupiti

° ° °

Si alza al cielo lo squillo di una tromba
vibrano i ritmi della sinfonia –
risorge la gioia della vita
in inno dal respiro universale


7
Sul mare discende il tramonto
ebbro dei rossi calici
di rose che presto sfioriranno.
Fumiga l’orizzonte
mentre lontana una luce appare
In questo cantuccio di universo
ancora il miracolo si compie

8
Temo che precipiti l’albero -
rami tagliati da scure crudele
radici strappate e portate alla luce
dal vento Aquilone che soffia veemente
tra scellerati delitti
di uomini tetri e malvagi
Una vita verdeggiante e florida
d’improvviso è troncata,
perisce e per sempre muore
come il tempo che tutto divora

9
Rapido scorre il torrente
tra verdi rive
e fiori soavemente profumati.
D’improvviso precipita dal cielo
veemente e tempestosa pioggia.
L’alveo del torrente si allarga
in un vortice di acqua limacciosa –
la distesa d’acqua si estende
dove erano campi ricchi di messi.
Giunge il tristo marinaio
carico di remi e di gomene
e i miseri contadini son messi in fuga
rifugiandosi su alti alberi.
La ruota del destino volge le sue sorti
più volte mutando –
quello che pareva sicuro
ora trema volteggiando nel vento.

10
Serpeggia il sibilo del serpente
nel tetro e oscuro antro.
Una luce cerulea si diffonde
da una sorgente là nel mezzo avvinta –
con occhi atterriti si scorgono
mostri di animali recisi.
L’orrido sogno svanisce,
risorge la speranza di una vita nuova.

11
Tace il tempio della notte
nel silenzio della tacita selva.
Sempre più si allargano
ampie ombre di alberi
che scendono in mare dai monti
dove danzano vaghe ninfe
di candida veste cinte.
Le onde si oscurano
infrangendosi sulla riva scoscesa
e una nebbia discende sugli occhi
Sta la statua della verità
nel nero scintillio della natura

12
Scende nella sera il rosso tramonto,
si imporporano le onde del mare
che si infrangono spumeggianti sugli scogli

Mi risveglio al flebile suono di un flauto
pensando di essere invitato ad un banchetto
nei profondi antri sommersi dal mare.

Ci sono tutti gli amici,
manca un nume propizio
che aiuti gli animi vaganti
legati dai ferrei vincoli
di una volontà che non vuole.

° ° °

In hoc volumine continentur
Ivano Dionigi, La lezione del latino 7

Franciscus Darius Rossi,   Versus Latini   97 - 101

 

 

Materiale
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza