Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Quindici brevi racconti: memoria e bozzetto si avvicinano, la prima come contenuto, il secondo come forma. L’autrice però supera simili barriere, ponendosi in un’area narrativa più densa di suggestioni, anche per lo stile che trasforma i ricordi in sostanza viva del presente e rende l’atto creativo sempre nuovo. Quel clima da primo dopoguerra mantiene la sua presa. Ne “Gli uffizi delle tenebre” permane un frammento d’antiche credenze: “Mia nonna diceva che prima di costruirla c’era un cimitero e che ci si sentiva”. Ne “Il convegno” la storia assume una posizione critica, aperta a istanze diverse: qui – tra fantasia e realtà – pare collocarsi la radice ideale e culturale della Are Caverni.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza