Servizi
Contatti

Eventi


All'ormai prossima celebrazione del 150° anniversario dell'unità d'Italia così denso di significati morali, almeno per coloro che intendano esistere seguendo "virtute e conoscenza",  reca un significativo contributo di amorevole e sapiente informazione e di educazione il recente saggio di Carmelo Ciccia intitolato Gli scrittori che hanno unito l’Italia edito dalla Libraria Padovana Editrice/Literary.it.

L’editore Tonon, che voglio ringraziare pubblicamente per il gentile omaggio fattomi di una copia del libro, definisce per modestia l’opera ‘piccolo quadro sinottico’ che si propone di rievocare dall’oblio (non del tempo, ma) dei sentimenti di amor patrio, oggi sbrigativamente rimossi dall’irruzione di dubbie teorie universaliste e multiculturali. In realtà la lettura del libro di Ciccia assume il nobile compito di incitamento per la massa di giovani artatamènte disinformati e per coloro che hanno visto affievolirsi il naturale amore per la propria terra madre e per la madre lingua.

Sicché di grande pregio mi appare la dotta e approfondita analisi dei “fattori dell’unità d’Italia” che indaga minuziosamente sugli elementi di fondo del complicato e sofferto travaglio che ha precorso l’unità nazionale: iniziando dalla considerazione del valore dei dialetti regionali, alla citazione della Profezia di Dante posta in versi dal Byron, che anticipa la luminosa idea di una unità fondata ‘sull’eccellenza della produzione artistico-letteraria’, sino a giungere ai determinanti apporti dell'Illuminismo e del Risorgimento romantico, che si concludono nella prima guerra mondiale con la conquista delle città redenti Trento, Gorizia, Trieste, nonché della Dalmazia e dell'Istria.

Sono ben oltre cinquecento i nomi di coloro, che vorrei chiamare ‘eroi della storia d’Italia’, e che Ciccia cita sinteticamente o più compitamente, a seconda della loro importanza ed incidenza negli eventi che hanno contribuito a fare la nostra entità nazionale.

Come sempre quando si tratta di questo autore ben noto ai nostri lettori, la cura della forma è impeccabile e la piana esposizione dei concetti è immediatamente recepita, per cui il libro è da ritenersi un valido affresco storico-letterario destinato a tutti.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza