Servizi
Contatti

Eventi


Un libro non deve essere spiegato ma soprattutto letto, per questo sono poche le parole da dire per invitare a scegliere Quella zona d’ombra. Intanto, Angelo Ruocco non è uno scrittore alle prime armi ma ha già  pubblicato, con la stessa casa editrice, L’ultimo round, un romanzo ambientato nel mondo della boxe che ha riscosso molto successo di pubblico, ed altri fortunati racconti. Il suo, poi, è uno stile particolare che io definisco “virile” perché ben interpreta la mentalità di un uomo del suo tempo. E, del resto, scrivere è proprio questo: dare la propria lettura del mondo in maniera, se non vera, almeno verosimile, che è uno dei principali canoni della narrativa che fa riferimento a Manzoni.

Anche per un altro motivo voglio citare Manzoni, quando diceva che la letteratura è un ramo delle scienze morali. Io condivido questo valore: non si scrive solo per fare esercizio di bravura ma per insegnare, per far conoscere e riflettere. Così è per i racconti di questo libro, di cui il principale è la storia di una banda partigiana e gli altri sono piccoli perfetti quadretti di vite vissute. Un altro punto importante da evidenziare è la prosa asciutta, antiletteraria, coinvolgente dell’autore che usa un “parlato” con esempi accattivanti di frasi tipiche ed originali come, ad esempio, “minigonne bonsai”, “mani di ghiaccio” e tanti altri. In ogni pagina c’è sempre qualche espressione particolare, dalla lezione di Moravia che ci ha educati a far esprimere le persone come veramente parlano e pensano, ognuno secondo la categoria di appartenenza.

Tutti questi sono aspetti positivi dei testi di Rocco ed è davvero un peccato che il mercato letterario delle grandi case editrici non dia spazio, in Italia, se non a individui televisivi o, comunque, già noti. Peccato davvero che non si cerchino mai nuovi talenti, persone che, magari, avrebbero più da dire di tanti scrittori affermati solo perché frequentano i salotti dei vip.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza