Servizi
Contatti


Severino e la dottrina sociale della Chiesa

È di grande attualità l'orientamento della Chiesa indirizzato a mitigare la virulenza del capitalismo e l'esortazione a tener conto del bene comune. Ora, è da tempo che Emanuele Severino va sostenendo sulle colonne del "Sabato" la tesi seguente: «Se l'essenza dell'umano agire è determinata dallo scopo ch'esso si prefigge e se d'altra parte unico scopo del capitalismo è il profitto, ne consegue che assegnare al capitalismo uno scopo diverso, o anche solo delle condizioni che ne limitino l'unico scopo (quale ad esempio il bene comune, come vorrebbe l'insegnamento attuale della Chiesa), porterebbe, per definizione, alla vanificazione e al dissolvimento del capitalismo stesso».

Orbene, non vi è certo nulla da obiettare circa la definizione che il profitto sia l'unico scopo del capitalismo e che l'assegnazione di uno scopo diverso ne dissolverebbe l'essenza; ma non è affatto certo che porre degli argini al capitalismo sia la stessa cosa che cambiarne lo scopo. Infatti anche il capitalismo, come tutte le popolazioni di organismi viventi sul nostro pianeta, si è potuto sviluppare facendo già i conti con condizioni ambientali limitanti che tendevano a ridurne, eccome, il profitto. E vero che alle origini non fu osteggiato nella misura di oggi; ma certo estendendosi e sviluppandosi non tardò ad essere contrastato da altre forze sociali che parallelamente andavano aumentando il loro potere contrattuale, man mano che esse stesse si organizzavano e sviluppavano, fino alla odierna formazione dei moderni organismi sindacali.

Il capitalismo di oggi non è certo nato dal nulla; esso rappresenta la risultante aritmetica di questa lotta senza quartiere fra lo spirito del capitalismo spremitore di profitto e la resistenza dell'ambiente, rappresentato in questo caso da coloro che venivano spremuti; eppure ciò non ha comportato alcuna modifica qualitativa del suo scopo fisiologico, cioè il profitto; è vero invece che è stato quantitativamente limitato e condizionato, sì da costringerlo a trovare altre forme e strumenti per sopravvivere senza rinunciare al suo scopo. Se la tesi di Severino fosse vera, il capitalismo avrebbe dovuto da gran tempo essere morto. O chiamarsi con altro nome.

Se dunque esistono fattori che già hanno limitato e tuttora limitano il profitto senza peraltro alterare la qualità del capitalismo nei riguardi delle sue finalità, non si vede per quale motivo altri fattori, quali ad esempio la resistenza opposta da sempre maggiori strati della popolazione al rischio di distruzione morale e materiale dell'ecosistema, non si possano considerare alla stregua delle altre resistenze ambientali in grado di condizionare sempre più il capitalismo; il quale tuttavia è molto probabile che possa, nella sua continua evoluzione di organismo vivente, altrettanto bene come nel passato trovare altri modi e altre forme di sopravvivenza che ne mantengano salva l'essenza, lo scopo originario, cioè il profitto.

Perciò, se la dottrina sociale della Chiesa invita il capitalismo a tener conto del bene comune e dei bisogni materiali e morali dell'essere umano, non sembra che essa cada in alcun errore, illusione, o equivoco, come afferma Severino; la Chiesa anzi non dice nulla di nuovo, non fa che ripetere semplicemente gli stessi precetti limitanti di sempre, quelli che fra l'altro ispireranno in seguito il socialismo e con i quali il capitalismo è stato già costretto a fare i conti. Non era forse un bene comune anche la salvaguardia delle condizioni morali e materiali dei lavoratori? E non era lo stesso socialismo figlio diretto dello spirito evangelico?

Tuttavia la Chiesa con la sua dottrina sociale non vuole certo significare che il capitalismo debba modificare il proprio unico scopo, il quale, necessariamente, non può essere altro che quello meccanicisticamente determinato e programmato del profitto (non si dimentichi che il capitalismo non è un'entità astratta ma, sotto l'aspetto di organismo vivente, è macchina); ma vuole evidentemente soltanto significare che esso dovrà d'ora in poi conseguire il suo scopo fisiologico adattandosi alle limitazioni che gli impone già ora l'ambiente, cioè il bene comune, e che dovrà perfezionare la sua macchina escogitando nuovi modi e nuove forme per la propria sopravvivenza.

Pratovecchio, Agosto 1993

Materiale
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza