Servizi
Contatti

Eventi


Navicello Etrusco per il mare di Piombino

La poesia come ricostruzione di un ordine, come chiarimento della mente e dell’animo e come proposta di direzionamento corretto del mondo: è questo che viene espresso, in modi diversi ma congruenti, all’interno delle due sezioni nelle quali si articola questa raccolta lirica, che sa offrire con eleganza e cura nella ricerca linguistica una serie di riflessioni su sé e altro da sé mai scontata, capace di trasformare i simboli in concretezza e allo stesso tempo di far rinvenire sotto la concretezza una valenza simbolica profonda, che rimanda a quella realtà che non si percepisce con i soli sensi, non si pesa, non si misura, ma che, nella sua apparente intangibilità, dà vera sostanza (e vero senso) alle sfaccettature complesse dell’esistere.

Chiari e scuri, passioni e sentimenti, luce e buio si amalgamano allora, e vengono scandagliati, grazie all’evocazione compiuta con la creatività della parola compiutamente selezionata e ordinata: questo è il compito del poeta al quale Roberto Mosi sa adempiere con risultati raffinati e, per chi legge, fruttuosi.

Né va trascurata la valenza fortemente significativa concessa al mito e alla leggenda, con una profonda componente spirituale fortemente connotata nella direzione di una ricerca fedele che parte dall’aspetto mitologico/leggendario per spingere verso le risonanze dell’intimità e del confronto con il proprio contesto sociale e con il ruolo che all’interno di esso è giusto e doveroso assumere.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza