Servizi
Contatti

Eventi


Il tempo che trasforma

“Il tempo è uno scalpello / che giunge fino al nocciolo dell’anima / e lì lavora, / lì si compie la vera metamorfosi, / nel bene e nel male, scelta sempre.” Dichiarazione che avvia alla lettura con il palpito dell’imprevisto e l’illusione della meraviglia, per una silloge che attraversa con il ritmo incalzante vari momenti di illuminazione e di ombre, per la consistenza palpabile del quotidiano che si avvicenda tra spazi e strettoie, ascolto ed illusione, accoglienze e contrasti. Dialogo intimo alla scoperta delle sterzate che il tempo cristallizza nella fluidità della parola e dell’attimo fuggente.

“Quella di Patrizia Fazzi – scrive Paolo Ruffilli nella Prefazione – è una poesia sospesa tra la natura, la cultura (nella potenza creativa che ci porta alla soglia del bello non solo con la letteratura, ma con la musica, con la pittura, con la scultura, con la danza) e la parola immaginosa e concreta ispirata dal naturale spirito religioso che aleggia dentro il mondo e che sembra colmare il dilagante vuoto che lo assedia”.

Percorso poetico che parte da composizioni datate 2009, 2011, 2012 e così via, per una rincorsa di visioni musicali e pittoriche che caratterizzano una scrittura attenta e segnata da un non preciso appagamento di scelte. Ella si adagia ad un’altalena di tristezza ma scuote i sentimenti quando “questo sole che mi abita / e arreda tutte le stanze, / lo voglio inseguire/ come il vento l’aquilone/ e poi posare piano / sui mobili di ogni casa, / infinito raggio”. Snoda momenti di abbaglio e affonda in “un mondo di parole / che esondano saettando nel buio/ e portano la luce.”

Un simile contesto è frutto di ricerca ininterrotta, lineare, nella quale le urgenze non seguono un percorso accidentato, ma in toni equilibratamente lirici delineano una sola storia, capitoli di suggestioni, mosaico di memorie, scorci di rimandi.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza