Servizi
Contatti

Eventi


Di fronte all’eternità a volte la poesia diviene il motivo principale di una riflessione, che abbia del fantastico per spiegazioni, occasioni, creatività, ove il sogno si mescoli alla vita confondendosi alla stregua di un incubo, pronto ad incidere per figurazioni depurate e composte di verità, per un processo quasi mistico che assomiglia a qualcosa di trascendentale nella esperienza che stupisce uomo e scrittore, nel mentre la fugacità auspica per se stessa una personale folgorazione.

Ogni componimento qui è una amalgama quasi forgiata nel rigore ascetico di chi si confonde nel segreto del subconscio.

L’autrice cerca di svincolarsi da inutili moralismi o da banali tentativi di indottrinamento , nella sua visione artistica si concilia con alcuni traguardi di meditazione in una spiccata valenza sperimentale, che qui si traduce in venature redatte per un lavoro piuttosto complesso dal punto di vista tecnico e di fulmineità, ove le parti drammatiche e liriche sono riconoscibili per quella esperienza considerata magma delle variazioni compulsive.
Nello scavo psicologico che si intraprende la scrittura lascia intravedere il rigore, per alcune doti non comuni di descrizione e ben permeate di una strana passione, ricca di illusioni, convergente verso la preghiera, in un viaggio dell’anima e del pensiero, spinoso e accidentato.

Pennellate incise nel verso, nella lievità dell’indagine, nella complicità di un viaggio vellutato rivolto alla ricerca inesausta della figura di Cristo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza