Servizi
Contatti

Eventi


Ipotesi d'amore, titolo suggestivo per l'ultima antologia personale pubblicata da Raffaella Bettiol nel 2006, in Elleffe, la prestigiosa collana di poesia contemporanea edita dalla Marsilio e autorevolmente diretta da Cesare Ruffato. Sono 42 liriche, che dell'autrice, veneziana di nascita, felicemente padovana a tutti gli effetti, evocano le radici ideali, le fasi dell'esistenza_ la storia personale, i luoghi e le stagioni come metamorfici ritratti dell'anima, in un crescendo che si dilata oltre lo spazio e il tempo, avvalendosi di una sintassi accorata. dai ritmi sospesi, piena di fascino.

La poesia per Raffaella Bettiol è un foglio bianco che le si ripropone ogni volta come un provocante confronto, e un irrinunciabile conforto. Alla poesia che la sollecita, ella domanda ragione del proprio esistere: Parlami ancora. non sappiamo nulla p. 31... e tu mio viandante conducimi a Dio p. 65-9. Quindi ripete: tu mio viandante rispondimi ... la memoria è solo un simulacro e la verità svanisce altrove p. 55. Sono colloqui tra la memoria e il sogno: tosi passa la vita e trascolora nell'ombra della notte.

Aggettivi, verbi, sostantivi disegnano sulla pagina, come pennellate liriche. un arazzo poetico dalla cui trama, più o meno fitta, a volte sfugge un sospiro, un lamento breve, la traccia lacerante di una sofferta "ingiustizia". In gola il suono del mare: un'eco lontana, un'urgenza che affiora dall'intimo e si allarga fino a coprire il mondo: memoria remota di emozioni, di abbandoni felici, di dolori mai sopiti, mai compiutamente assimilati. Ne risulta una metamorfosi sospesa, riproposta ogni volta seguendo il filo d'oro e rosso dei ricordi e dei sogni, a cui si annodano tempi e luoghi perduti.

TI mondo segreto che traspare nei versi di R. Bettiol si rivela infatti paradossalmente elusivo, proteso in una palingenesi perenne, sacrilega rispetto alla caducità del quotidiano. La linfa vitale, forte e provocante di cui sono impastati i suoi ricordi, i suoi sensi. le sue emozioni, è lievito che rimodella dal profondo, continuamente. il suo stesso essere: è vita. Ed è una sfida al tempo, una sfida alla giovinezza che ritorna; è il passato, i cui percorsi si traducono nel verso poetico e ci riconducono ad una rinascita annunciata e salvata dal valore sacro della parola. "... e tu non sai. non puoi rispondere l' col sacrilego sortilegio delle parole'' (p. 40). Ti suo canto è un sortilegio, appunto, scandito in sette movimenti dai titoli persuasivi: Familiari e Intimità. epifanie eloquenti e presagi arcani del destino; il lungo Colloqui, che coinvolge personaggi ed emozioni intense e si conclude accorato con "L'innocen_a di Dio". Quindi Eterno fernnminino, tema arcano, caro alla vocazione lirica di Raffaella Bettiol; Umanità sgferta, corrispondenza di antinomie fatali, lontane da ogni stucchevole manicheismo; Luoghi e infine Ancora, che chiude il ciclo, riaprendolo quasi magicamente su di un mondo nuovo, di cui la memoria e l'amore hanno protetto e custodito l'intima essenza, a cui la poesia ha dato significato, colore, consistenza. «Non c'è dubbio che un giorno troveremo perfino il cubo dell'arcobaleno...

Ma ciò che mai si lascerà scoprire è l'arco eli un'ipotesi d'amore». Così come in Emily Dickinson, anche in Ipotesi d'amore l'obiettivo è una ricerca inesausta alla scoperta non tanto di sé stessa, quanto di un universo intero: quello fragile e complesso che dia senso e innocenza ai rapporti con sé e con gli altri, alle relazioni che giustificano esistenza ed esperienze, attraverso un lungo viaggio tra le persone care che Ìe hanno indicato il cammino, che hanno segnato i luoghi e i tempi, ancora giovani, della sua vita. Che si fanno via via memoria, ragion d'essere, presupposti e volontà di rinascita, riportati alla luce nei versi che si protendono ardentemente, "ancora" e sempre, verso ciò "che mai si lascerà scoprire"...

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza