Servizi
Contatti

Eventi


Risultano assai interessanti i due volumetti scritti da Pietro Nigro, Notazioni estemporanee e varietà. Pensieri e saggi letterari e Recensioni, presentazioni e articoli d’arte. Le pubblicazioni sono capaci di esternare e proporre il suo pensiero letterario nella sua complessità toccando una serie di temi interessanti, che coinvolgono tante facce del pensiero come vera espressione di un sentimento, ma anche di testimonianza, la quale a sua volta si avvale della preparazione dottrinale dell’autore.

Ogni scritto, pur nella sintesi espositiva, racchiude nelle sue variegate espressioni la preparazione umanistica, che si staglia limpida così da coinvolgere il lettore capace di entrare in questo variegato mondo letterario. Le pagine sono ricche di meditazioni che fanno molto riflettere sulla funzione dell’uomo nella società. Assai pregevoli alcuni capitoli (ci riferiamo in particolare a quelli inerenti a Pirandello), dove è possibile cogliere non solo il senso delle parole, ma anche delle intenzioni profonde che altrimenti rimarrebbero lettera morta. Due volumi che nella loro sinteticità aprono una panoramica a trecentosessanta gradi su Nigro uomo, che crede nella funzione della cultura.

Egli in una delle sue tante riflessioni letterarie scrive a proposito della poesia: “Amare la poesia, donarsi senza chiedere nulla, credere nei valori che essa esprime: non sterile svago, non ipocrito strumento per soddisfare la propria megalomania, ma arma di denuncia delle ingiustizie, dei crimini, delle menzogne che imperversano nel mondo”. In questa riflessione c’è il Nigro che lancia degli appelli all’uomo, affinché non si faccia sopraffare dall’indiffe-renza e utilizzi il mezzo più nobile, la poesia, per ricordare che alla base delle decisioni c’è l’uomo.

Il secondo volume completa il messaggio di Pietro Nigro, in quanto così come scrive nella prefazione Pasquale Francischetti: “Quest’opera si potrebbe definire un vero e proprio diario culturale, dove Nigro registra sia documenti della vita pratica, sia della vita spirituale, in cui mostra una profonda consapevolezza tecnica dell’uso delle immagini e delle figure retoriche”. Si vuole anche sottolineare come l’autore si avvale di una lunga a consumata esperienza letteraria che lo pone al centro (tra tanti altri autori notevoli) della cultura contemporanea propensa ad evidenziare a volte autori che poco hanno da dire. A Pietro Nigro invece va il merito di porsi in evidenza con autorevolezza, esperienza, capacità espressiva e tanta umanità. Esempio raro di professionalità che è giusto celebrare.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza