Servizi
Contatti

Eventi


Carte da gioco. Trilogia dell’infanzia

L’opera di Francesco De Napoli “Carte da gioco. Trilogia dell’infanzia” gi dal titolo si presenta come un misterico cammino a ritroso, che cerca di richiamare – invocandole dalle immagini, spesso confuse, d’un passato pi doloroso che spensierato – non soltanto volti, luoghi, sentimenti e sensazioni, quanto soprattutto spiegazioni e giustificazioni a brucianti interrogativi rimasti, negli anni, in sospeso e senza risposta.

Mi ritorna in mente Marcel Proust con la sua “ la recherche du temps perdu”, in cui l’autore, stimolato dal semplice profumo dei biscotti, risale a determinati momenti dell’infanzia, con tutti i particolari vissuti in essa.

Come ben evidenzia Giorgio Brberi Squarotti, si tratta di un poema della memoria: vi troviamo sensazioni legate a vari ambienti della Lucania e della Puglia, ma anche della Ciociaria, che sembrano tratti fuggevolmente da nitidi flash di paesaggi, come “orti dorati, arse siepi, vigne nere”, oppure da profumi di “sciami d’api e limoni, ulivi e granoni, arance e cicoria.”

Ed ecco, al di l delle sensazioni fisiche, le emozioni nel ricordo sempre presente della figura del padre: “Ti vidi pescatore, muratore, marinaio, soldato.” Ricordo del padre e del nonno “curvo, uscito a prendere acqua, che rotolava gi per la stradina”, ricordo della mamma “che sgretolava le dolci pannocchie” o “in apprensione alla finestra” mentre seguiva gli esiti di un portapranzi ricolmo.

Cenni leggeri, eleganti e quasi fuggevoli, pieni di presenze vive nel cuore come di radici profonde che il Poeta ritrova in s nella necessit di ricostruire il passato, quasi a volerne possedere la ricchezza attinta alle saggezze antiche per giungere finalmente a collocarle, serenamente, nella propria anima.

Malgrado “le vuote preghiere di ateo”, il Poeta vuole rammentare e decifrare il significato dell’esistenza in cui, nonostante tutto, “nulla andato perduto”. Come smarrire, rinunciare o negare, infatti, “le frasi scritte dal sole, l’incedere leggiadro di nuvolaglie, le danze sacrali di lucciole distratte?”

Mi piace immaginare nel ragazzino timido che accorre “incredulo, stupito, ansante”, il poeta che ancor oggi continua ad affacciarsi sul proprio passato alla ricerca del vero, esplorando “in angolini bui, tra lumi spenti”.

Recensione
Literary 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza