Servizi
Contatti

Eventi


Il senso romanico della misura

[…]

Ed ancora, “Il senso romanico della misura” di Rossano Onano. Il quale poeta Onano prova e saggia la vita attraverso la scrittura – quale “discriptura”, e cio l'operazione dello schiudere la cripta, e del simbolo e dell'immaginifico; il suo discorso riferendosi a pi fuochi, e sapendo di non sapere le recita al di qua e al di l del sipario, ma cosciente di conoscerne i copioni a motivo della sua compresenza, sia come attore che come astante, ed insieme quale corale e redattore, per la sua parte, del testo.

La grafia si fa cos rosa del deserto: il compimento di una “misura” appunto che si affida alla kala e al sofia insieme, solo che la cortina di un attimo si levi e si spostino le quinte.

Recensione
Literary 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza