Servizi
Contatti

Eventi


Notizie da Via Daniele

Francesco Alberto Giunta, nella sua semplicità e trasparenza, è scrittore vero che viene fuori da una lunga sofferenza che, tuttavia, sembra contraddire la giocosità del personaggio perché Giunta è pieno di esuberanza e uomo allegro. Tuttavia Notizie da Via Daniele, contiene tanto dolore, tanta sofferenza che non è solo "personale", ma anche storica e più ancora direi "cosmica" perché questa Sicilia, metafora della condizione umana, ha una condizione cosmica. In questo libro la maggior parte delle pagine sono delle vere folgorazioni. Certamente il libro del Giunta, e questo è il pregio, è un odissea com'è un odissea l'altro suo primo romanzo "Viaggiando sulla strada". La differenza rispetto al primo è questa: mentre questo è un reportage di un'avventurosa vita per le strade d'Europa, quello è, invece, un reportage trasparente di un avventura d'anima dove i fatti esterni sono rapportati da una vita interiore.

Giunta recupera una Sicilia, in questo suo ritorno, metafisica oltre che sentimentale, direi ultra storico, perché la Sicilia ha questo di grande: è fuori dalla storia. Quanto al significato del libro di Giunta esso si arricchisce di una significanza che fa di questa Sicilia veramente un'immensa cosa, vestita di mondo, che anche sul piatto della poesia è veramente metafora della condizione umana, come non ricordare Verga, Quasimodo, Pirandello e soprattutto un grande scrittore che non si ricorda più perché è passato di moda. Parlo di Antonio Aniante.

Il romanzo Notizie da Via Daniele, dunque, ha un significato positivo e valido.

Se volessi dare una cifra stilistica, se volessi esprimere un mio giudizio sul modo di esprimersi, di scrivere del Giunta, direi che il suo è un «idealismo magico" perché nella trasparenza affiora sempre questo secondo mondo, questa alta dimensione della fantasia e del sogno.
Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza