Servizi
Contatti

Eventi


Franca Olivo Fusco ha già pubblicato tre sillogi poetiche. Con l’opera in questione marca il debutto anche nella saggistica.

Nella fattispecie si tratta di un saggio di ragguardevole rilievo, che, oltre ad interessare la cinematografia, nella sua dimensione internazionale, evidentemente coinvolge, e non poco, la poesia. È davvero ciò che si dice una perla, un pezzo mancante che l’attento cinefilo, sia esso cineamatore o cineasta, non può lasciarsi scappare. E, d’altronde, è una chicca di rara bellezza altresì per gli affezionati alla poesia, che ne ammirano le sue diversive proposizioni e collocazioni.

Le molteplicità del rapporto tra cinema e poesia sono, non solo esemplificate, ma documentate pressoché esaustivamente nelle possibili loro interferenze. In dieci capitoli l’Autrice relazione e documenta accuratamente, in ordine di progressiva presentazione, su: Poesie di autori stranieri nei film (pp. 7-32); Poesie di autori italiani nei film (pp. 33-48); Titoli di film presi a prestito dalla poesia (pp. 49-66); Film biografici (pp. 67-90); Poeti-Registi nonché Registi-Poeti – a seconda del ruolo professionale principale – (pp. 91-96); Poeti-Sceneggiatori (pp. 97-102); Attori-Poeti (pp. 103-114); Poeti-Attori (pp. 115-118); Poeti-Critici cinematografici (pp. 119-120); Poeti-Doppiatori (p. 121).

Sono citati all’incirca centocinquanta titoli di film, qualcosa come quattrocento nominativi tra interpreti e registi, tenendo dovutamente conto delle reiterazioni.

Mentre, dal lato letterario, sono un centinaio i titoli o i versi di poesie adottati da sceneggiatori o registi. Ed una cinquantina sono gli autori dei testi poetici. Le poesie citate o loro brani appartengono a poeti di tutti i tempi, a partire dal sommo Dante, varie volte presente. Ma non manca la menzione per Lorenzo il Magnifico. Tra i più ripetuti: Foscolo, Leopardi, Pascoli, Neruda, Quasimodo, Montale, Campana, Pasolini, Joyce, Zanzotto, Prévert, Pessoa, la Spaziani, Poe, Eliot, Pavese, Byron, Masters, Garcia Lorca… E nomi che non potevano assolutamente mancare, lo sappiamo bene: Totò, Petrolini, Valentino, Benigni, Tofano, Proietti, Vittorio Gassman.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza