Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Che ne sarà dei dialetti fra cento o duecento anni? Ma ciò ha poca importanza: se nel futuro qualcuno amerà scoprire linguaggi fuori da ogni globalizzazione il problema non esiste, tanto più in questa raccolta, in cui l’autore usa un dialetto (o diciamo idioletto) di area campana filtrato dalla memoria e modificato per ‘esigenze di espressione’. Poi, la traduzione in italiano crea un ponte tra lingua più ampia e lingua più intima (profonda) che intende lasciare la sua traccia nel ‘cammino liquefatto del tempo’ (‘O sciumo, v. 17).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza