Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Romanzo di notevole spessore per lo stile e in particolare per i contenuti. La parte I si svolge durante l’Olocausto; la figura del maligno vi agisce come entità reale dotata di una logica stringente; nel cap. IX un significativo episodio: l’aberrante ideologia non riesce a impedire un gesto di pietà all’aguzzino del campo; trascorsa la guerra il maligno riappare, ma la scrittura (e in ispecie la poesia) risulta arma formidabile per sconfiggerlo (parte II cap. XVI p.156); bellissimo il finale, aperto all’ipotesi del suo ritorno. Un libro che lascia il segno e rinnova la memoria: ‘Ricorda cosa ti hanno fatto ad Auschwitz’ (P. Weiss).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza