Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Se questi versi giovanili scritti nel periodo 1937-1947 non sfuggono al clima del tempo, tuttavia numerosi gli spunti interessanti, a iniziare da Sogno, lirica composta a tredici anni nell’estate del 1937 dopo l’esame di terza ginnasio: un certo umore di fondo e tratti già personali, di un autore che non si fa facilmente condizionare (si vedano Addio alla poesia e Al Duca d’Aosta). Certamente sono componimenti vincolati a schemi classici, ma piegati alla volontà creativa e tecnicamente agguerriti, es. le strofe alcaiche (secondo la metrica barbara) di A un futurista: un esempio per i poeti attuali, così digiuni di tecnica. Da segnalare per la sua compiutezza il sonetto II da Stura.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza