Servizi
Contatti

Eventi


A proposito di Fiapoebesie/Vagazioni (PdV nr. 14 p. 137) facemmo rilevare nella Ugolini una tendenza -–mai prevaricante – lucido-allitterativa: tale tendenza prosegue anche con la presente opera, assorbita però da una maggiore coerenza emotiva, se si può parlare di emozioni coscienti.

L’opinabile sottotitolo di racconto in versi va inteso come storia individuale che si intreccia al senso polisemico del linguaggio, poiché la “narrazione” è quasi sempre all’interno della scrittura, da considerare anzitutto poesia. La forma, per esempio: acrostici sulla parola aquiloni, troncamenti quali stilemi arcaicizzanti; ma il tutto inglobato in uno stile disinibito, sostenuto da “memorie” metriche come l’endecasillabo o la rima.

Partendo da un suggerimento musicale, Bartok (p. 33): il suono della celesta nella sua Musica ha certo delle affinità con questa scrittura trasparente e acuminata, ricca di soluzioni linguistiche; un’ars subtilior, sottigliezza verbale da cui emerge la personalità conoscitiva: “Il mio seme traslucido che cadde | su pietre inospitali” (p. 29), non sminuita da paronomasie già codificate (“amore amaro”) o, qua e là, da effluvi floreali tipo liberty: “bianca soglia di petali minuti” (p. 27).

Ma ciò che più colpisce è la straordinaria inventività simbolico-visiva, rapportabile al piano tattile: “La casa vasta anello | nel giardino scrosta liquida” (p. 35), la penetrante intuizione dei fenomeni naturali in chiave descrittivo-metaforica: “privi ormai d’un riflesso | (è l’onda salata che non sgorga) | senza un moto” (p. 65), e la capacità di riportarsi a un’area metafisica: “(tutto vuoto il suono della morte) | solo il giardino sboccia” (p. 40), o di trasporre la fisicità in elemento virtuale: “segno di specchio, | uscita, chiosa d’Altura, | speranza (la luce) d’un riflesso” (p. 23).

Sentimento e ragione si fondono al significato di un’etica oggettiva: “lì di cera | stai, pietas, bianca sfinita pena | nel dilungarsi d’alba ed ogni vena” (p. 24); così la Ugolini è riuscita a creare una poesia che, per la sua trama sensibile e razionale, può resistere all’usura del tempo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza