Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Si dice dialetto per indicare un’area linguistica locale – ma di uguale dignità con la lingua – il cui parlato risulta più vicino al significato dell’oggetto. Introdotta da un culto saggio (prefazione) di A. Saveriano la consistente silloge identifica un percorso diacronico: Mirabella Eclano (ove l’autore è nato nel 1928) e i parlanti contadini e operai quasi sempre analfabeti (v. Nota p. 270); nessuna operazione intellettuale ci pare, bensì un ricupero di concretezza espressiva da quel ‘munno spierso’ ma non perento, e con la sola ipotesi di una eventuale metafisica (Trenodia, cioè Lo chianto pe’ lo muorto).

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza