Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Non è detto che forme obsolete debbano per forza di cose usare un linguaggio adeguato, anzi; Servetti riduce testi entro le cosiddette ‘forme vuote’ quali il sonetto, anche caudato, e perfino il perento discordo d’origine provenzale; peraltro affiora in più punti il mistilinguismo di riporti culti: è allora la qualità della scrittura a farci capire che siamo di fronte a un autore d’avanguardia dotato di inesausta inventiva, i cui vocaboli e tecnicismi correlati e non gratuiti portano a un’elevata creatività, es. ‘il trïonfo dell’acque fragorose’ (p. 9); un libro che meriterebbe ben più di poche righe di commento.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza