Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Il dialetto le cui rime sono peculiari per la funzione di ricorrenza sentita dai parlanti perde sempre qualcosa in una traduzione: l’autore ci parla nella lingua di Mistretta, centro in provincia di Messina ma più vicino a Enna. Uno dei testi più connotati è quello che si ispira al paese natio del poeta (p. 20) – paisazzu (paesaccio) che il prefatore traduce in paesone; la scabra parlata prende qui un tono affettivo malgrado le difficoltà che il luogo comporta, poiché se ‘ti nnagghjiri assai luntanu | u piettu si sbacanta; resti sciuttu | comu liettu ri vadduni’ (se ‘devi andare assai lontano | il petto si svuota, | resti asciutto | come letto di torrente’).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza