Servizi
Contatti

Eventi


“Riarmo etico, è questo – sostiene il coraggioso giudice spagnolo Baltasar Garzon che ha incriminato anche il dittatore cileno Pinochet – che soprattutto serve per combattere mafia e corruzione, che vanno combattute insieme perché solo battendo la corruzione si può sconfiggere anche la mafia. E occorre cominciare dalle scuole.”

Ebbene questo principio e questa necessità sono stati sempre presenti nella narrativa per i ragazzi prodotta negli anni da Maria Marcone, anche a costo di essere accusata di pedagogismo: infatti anche nell’ultimo libro l’autrice racconta una storia esemplare con un personaggio centrale che decide di dedicare la sua vita al servizio della società contro la corruzione e la delinquenza. Il personaggio Nicolino le aveva ispirato anche un’altra opera, appunto Nicolino (Mursia) che ha avuto un grande successo presso i giovani lettori, tradotto in Cile nel 1994 ed in Cina nel 2000, e che probabilmente vedrà la luce come sceneggiato ora che se ne diffonderà la continuazione, dato che Rai1 ha già comprato i diritti sul primo libro ed è in attesa del secondo.

Il racconto è molto godibile per i ragazzi e senza pedanterie induce a considerare la vita, anche fra molte difficoltà, come un dono prezioso che non si può sprecare in azioni malvage, ma coltivandone i valori più belli e più affascinanti per sé e per gli altri.

 
Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza