Servizi
Contatti

Eventi


“Sentivo, durante l’operazione, una gioia irrequieta per il fatto di non essere libero”, afferma Onano ad opera compiuta, in merito all’esercizio impostosi con questa silloge. Eppure, la sua, è stata un’azione di massima libertà. E non è un caso che, leggendo e riprendendo i suoi pentecaidecasillabi (son quelli che qui la fanno da giganti) salissero alla memoria le regole del monachesimo primitivo. Perché ci sono due modalità estreme di affermare la propria libertà: quella del nomadismo e quella dello stilita. Due esperienze agli antipodi. Ma era la seconda, forse, la goccia mancante alla grande sete del poeta: la libertà di cimentarsi con la non-libertà. Meglio ancora, la libertà di misurarsi al limite. E in altre parole, allora, di conferire l’espressione massima a quella ventura che chiamiamo vita e che, con ciò, viene contemplata in un tutt’uno di tessuto e trama e nell’intreccio pregiato di figura e simbolo, di immagine e allegoria. Sia in pre-visione che in post-fazione. Tanto che ogni volta che si fa di conto t’accorgi che sempre in questi versi il detto è detto per detto e il non-detto è detto per non detto: è questa è libertà!

Non è libera, infatti, l’ape, non la formica; non è libero il gabbiano: libero è l’uomo (perfino d’annientarsi) perché è insieme individuo e persona, e può rincorrere il fluttuare dei sogni e decifrare le sagome concrete della forma “quando sono le donne propizie radunate | che seguono danze mimetiche di nutrimento”. E il nutrimento è storico se, già dal titolo, la terra che porta a tramonto non è materna ma “maternale” (sec. XIV).

Questo solo come invito alla lettura. Ma non basta e non può bastare per una poesia che va dritta alla luna reggente il tempo del non-tempo, dentro e nell’universo intorno. Per questo, anche, Omero è cieco.

Cosa conta davvero allora? Il viaggio come viaggio in sé. Anche se al traguardo dovessimo osservare: “Mi è dispiaciuto partire | all’alba della giostra | senza la rosa canina | colorata di tabasco”. Perché sarà comunque l’alba…

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza