Servizi
Contatti

Eventi


In un tempo come il nostro, disposto per natura alla scoperta antiformale del passato, un tema come questo dei rapporti fra amore e gastronomia si potrebbe dare largamente per scontato. Non mancano in ogni caso riedizioni di testi e memorie proposti in modi pedissequi.

Livio Cerini di Castegnate si scosta da tali linee per affrontare l’argomento non solo con la tranquilla padronanza delle fonti, ma con una personalissima capacità di interpretarle. Ciò gli permette di rivisitare la materia in termini originali, sia sotto il profilo culturale che sotto quello del costume.

“A tavola per amare” – sebbene sembri assumerne le caratteristiche – non si lascia confondere né con certi discutibili ricettari predisposti all’ambiguità, né con altre dozzinali rifritture che circolano con discutibili intenti di suggestioni. Combinando senza forzature gli stimoli naturali della golosità e dell’erotismo, la singolarità del libro si manifesta con qualità autentiche, di competenza e di buon gusto, che lo fanno nettamente distinguere. L’autore tiene uniti i due campi con la ricchezza dell’informazione e con la necessaria vena di ironia.

Un’occhiata al sommario (di eccezionale varietà tematica) non consente di ascrivere l’opera di Cerini ad un unico e preciso genere di interessi. Al contrario la preziosità delle ricette si accompagna alla profonda padronanza dei riscontri storici, mentre le note di costume si accordano con naturalezza a quelle tecnico-scientifiche, sanitarie e culinarie, relative a ciascuna specialità. All’inizio l’autore sembra cercarsi da solo le credenziali opportune, aprendo il testo con l’arguta e deliziosa “lettera di Giacomo Casanova”, chiamato ad estendere una protezione culturale sulle sue pagine, additate come vera e propria “enciclopedia della sexy-cucina”. In realtà ciò che viene da pensare via via che si scorrono i capitoli è il senso di un lavoro che va ben oltre quell’illustre patronato. In effetti il volume (pur ricco di molte illustrazioni allusive) si scosta dalla benedizione casanoviana, impiegando accortamente tutti gli strumenti propri del grande esperto di raffinatezze culinarie, quale Livio Cerini mostra di essere. Egli intinge in una vastità di sicuri riferimenti alimentari le sorridenti suggestioni amorose; e così giustifica appieno il carattere di “operetta umanitaria” che predilige per la sua fatica di compilatore.

Certo, navigando nei mari della grande cucina, dietro la bussola erotica del maestro veneziano, il gastronomo lombardo ne tiene presente il particolare; nel contempo studia con intelligenza ogni ricetta allo scopo di suscitare nel lettore l’apprezzamento combinato verso le gioie della tavola e dell’amore. La linea che egli segue è quella di un equilibrio oraziano, moderato dall’attenta scelta delle ricette e dalla piacevolezza narrativa. Così da una parte tutto l’universo sensibile si raccoglie nelle proposte dei cibi e delle bevande, studiati nei particolari degli ingredienti e delle misure. D’altra parte al lettore viene anche suggerito a riscontro un sereno distacco di natura estetica sia dalla concretezza materiale che dalla finalità erotico-amorosa, spesso lasciata sottintesa.

Il libro si gusta dunque secondo vari registri, ciascuno dei quali garantisce procedimenti ed emozioni sorvegliati dalla raffinatezza dell’esperienza più che ammiccati da una sorridente complicità.

 
Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza