Servizi
Contatti

Eventi


Un tempo… (senza tempo)
Il ricupero della realtà rurale nell’opera di Italo Facchinello

Nei racconti, come nelle poesie di Italo Facchinello, ispirati al paese di Loria, la vita paesana nel Veneto ci viene presentata attraverso pitture di ambiente e indimenticabili figure: i genitori, i parenti, i sacerdoti, i vicini di casa, i compagni di gioco, tutti partecipi e protagonisti di una vicenda collettiva.

La società che l’autore ricrea è povera e ristretta, a spazi angusti, ma ricca di valori indimenticabili quali la famiglia, l’onestà, la fede, la solidarietà.

Ma questi valori in che cosa veramente consistevano e in quale misura si sono poi conservati?

La vicenda comunitaria viene esposta attraverso una serie coerente di testimonianze private e sociali, specie intorno al periodo fra le due guerre, non solo relative al paese di origine (al limite settentrionale della provincia di Treviso), ma all’intero mondo rurale trevigiano-veneto: infatti è tutto il Veneto rurale ed arcaico che viene dipinto e presentato.

Oggi ancora, nel sentimento e nell’analisi di Facchinello, nonostante gli sviluppi tecnologici e l’elevato tenore di vita raggiunto, questa terra resta nostalgicamente radicata al proprio passato di stenti sociali e di virtù umane.

L’elemento emergente è quello di una psicologia collettiva che collega in valore unitario le esperienze, le condizioni, i rapporti dell’antico paese fondati sulla base di una vitale religiosità.

La visione dello scrittore abbraccia con passione filiale tutta una serie di eventi particolari: lieti o tristi nella loro quotidianità.

Sono squarci realistici e poetici espressi in un linguaggio originale, incarnato nelle figure e nelle immagini di un paese ormai scomparso, ma vivo e presente nella fedeltà di chi lo rievoca e lo rimpiange.

Materiale
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza