Servizi
Contatti

Eventi


Sono versi limpidamente eleganti, quelli con cui Raffaella Bettiol – saggista e poetessa veneziana, ora residente a Padova – struttura le sue Ipotesi d’amore: una quarantina di liriche brevi, snelle, a tratti nervose, distribuite all’interno di sette scarni ed essenziali segmenti tematici: “Familiari”, “Intimità”, “Colloqui”, “Eterno Femminino”, “Umanità Sofferta”, “Luoghi”, “Ancora”.

Una poesia permeata da tensioni memoriali tenere e struggenti, che si protende – tramite un uso molto parco degli effetti fonosimbolici, bilanciato però da un frequente ricorso alle inversioni sintattiche, alle giustapposizioni, alle frasi nominali – verso una ricostruzione amorevole e diligente di persone, luoghi ed eventi del passato che l’incertezza del presente contribuisce a rendere ancor più solenni, depositandovi i semi di un significato antico e “originario”, talvolta quasi oracolare.

Si veda, ad esempio, la prima sezione, dedicata alle figure dei genitori, in cui è forse più flagrante il suo tentativo di ricostruire, attraverso un’alchimia verbale di cui pure avverte la precarietà, le radici stesse del proprio esserci; oppure la seconda, in cui i richiami ai sodalizi intellettuali e alla comunione affettiva con amiche ed amici poeti sostanziano, in piccolo, una breve autobiografia al contempo intima e letteraria; o, ancora, il segmento dedicato ai complicati “colloqui” con il partner, in cui si sormontano come onde marine (non a caso, l’elemento acquatico è uno dei Leitmotiv dell’intera raccolta) i temi della presenza e dell’assenza, della parola e del silenzio, dell’amore e dell’inquietudine, dell’affabulazione fiabesca e della verità evangelica, a dimostrazione di come il fine precipuo della poesia debba consistere nel dare voce alle antitesi da cui siamo abitati, cercando di avvicinare quanto più possibile i lembi delle ferite che ci lacerano e che, con il silenzioso passare del tempo, si approfondiscono nel nostro animo.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza