Servizi
Contatti


Invisibili

È questo salire e salire
e inerpicarsi su dove la strada si fa sentiero
e viottolo e sassaia e intrico e folto,

senza una esatta idea del luogo e delle consuetudini,
certi che prima o dopo,
oltre l’ultimo variare dell’occhio o del passo,
uscirà sovrana la luce, accesa, vivissima, splendente

(e dai suoi abbagli anche l’occhio si dovrà difendere);

in quella scia abitata di pulviscolo e minimi invisibili, leggeri,
trasportati su ali di vento o smossi da ogni impercettibile cambiamento,
in cerca di una qualunque quiete.

Ah, davvero non li puoi seguire
questi autunni e mattini e primavere,
non li puoi da subito riconoscere,
né con il gufo, né con lo scoiattolo;

loro sì hanno un andare certo verso la vita,
tu invece insegui quel che l’istinto ti decide,
anche se un giorno dirai, forse, che il gelsomino e la mimosa
hanno più dei tuoi pensieri il disvelamento, il distacco, la perdita.

Migranti

C’è un luogo della mente, opaco,
che talvolta si delinea nello stupore:
stanco del lamento, ma non del canto.

Di che ci preoccuperemo
quando arriveranno le poiane
oppure emetteranno gli alti gridi
le gru in transito dall’equatore?

Parleremo fitto fitto, di cose naturali,
come del bimbo appena nato,
del caffè aromatico, già caldo,
oppure della morte, così vicina
all’uomo che ci sfiora,
da sentirne la voce?

O non avremo tempo?
E saremo di nuovo
a calpestare strade,
a scrutare mani o visi,
a cercare parole
che non svelano,
di noi, né di nessuno,
il bisogno e l’incanto?

La venditrice di fiori

 ... non come la venditrice di fiori
del Guatemala: i suoi fiori
hanno almeno una lira di valore;

io curo e scambio soltanto le parole
e le parole sono soffio di vento,
trasvolano leggere, si perdono nei suoni,

somigliano piuttosto all’incantatore
di serpenti al mercato di Delhi,
quando trasmigra nell’anima del cobra

e somigliano anche più spesso ai matti,
da sempre schierati dalla parte di chi guarda
esterrefatto il mondo e non si piega.

Materiale
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza