Legenda Libri - Literary.it Catalogo Cerca Info

Itinerari

Cod.: 316

Nota di Raffaele Grimaldi:
"Un groppo di incomprensioni questa terra che invoco e canto, l'amaro ventre di una donna che non madre che quando l'accarezzo e piango non ha braccia e volto per il mio selvaggio pianto. Eppure l'amo."
Atomi lirici di un Sud ieratico e consunto. La silloge Itinerari di Maria Pina Ciancio un compendio di amore e rabbia, per una terra dove il tempo pi non s'affanna. Cifre romane, come pietre miliari della lettura, sono i titoli delle poesie e "Itinerari" un doppio percorso negli antri dell'anima

"Lungo il Sinni
scavo memorie
attraversando i solchi
delle tue mani
e la terra"
(XX)

e negli anfratti della Lucania

"Il seno turgido
e scuro
dei calanchi
(sotto una bocca avida)
raccoglie
esuli storie
di un
desiderio
inappagato"
(X)

La silloge evocazione di ricordi e manifestazione di passioni, alla quale l'autrice ha dato una sua meta definita: "Faccio strade secondarie, attraverso montagne, dirupi, fiumare, fino ai calanchi, dove l'Appennino diventa d'argento sotto la luce bianca della luna. E poi i buchi neri, i sassi, la piana verde fino a Siris. Passato e presente. Qualunque sia la direzione vado sempre a Sud".

CIANCIO Maria Pina

Genere: Silloge poetica

€ 8,00 attualmete non disponibile

Cosenza 2002, pp. 40


1997/2012 - Libraria Padovana Editrice